Skip to content

COME A SCUOLA

agosto 4, 2015

Studio vuoto, schermi spenti,
pausa
silenzio.
Tastiere ferme, finestre abbassate
lo studio respira, quiete
tutto tace.
È arrivata l’estate.

Nostalgia di andare, voglia di partire,
con le stelle negli occhi e il mare nel cuore.

E come a scuola, si salutano i compagni, si chiudono i libri,
cristalli di sale ci accompagnano all’uscita.
Un altro ciclo si chiude.

Andare è lasciare
andare è tornare.

L’anima del tutto vola
i gatti restano,
l’amicizia pure.

Magenta e sorrisi
questo è Lampone.
Buone vacanze!
A presto, più toste che mai!

Schermata 2015-08-04 alle 17.40.41

Auguri Photoshop, 25 anni e non li dimostri

febbraio 20, 2015
15ph

Photoshop, il programma che ha cambiato  la fotografia, compie oggi 25 anni.

Proprio oggi è interessante ricordare la storia: da dove nasce quell’idea dai fratelli Knoll e perchè, nel 1990, Adobe SyStems Incorporated la produsse.

Quali erano i problemi e le necessità che hanno condotto alla ricerca e alla realizzazione di un software di elaborazione fotografica per il ritocco e il processamento di immagini digitali su più livelli?

Una necessità talmente forte e sentita che si è diffuso anche il verbo correlato: il “photoshopping”, per indicare il processo di manipolazione fotografica.

 

2ph

 

15ph

 

Facciamo quindi qualche passo indietro quando tutto si faceva letteralmente “a mano”, come la pasta.

Vi presentiamo alcuni reperti storici in grado di trasmettere oggi i principi fondamentali, le tecniche e gli accorgimenti che si utilizzavano una volta.

In origine era la fotografia: tagliare una foto con mano ferma, ritoccare manualmente le proporzioni utilizzando la lente di ingrandimento, ritoccare le immagini con i pennelli erano passaggi davvero impegnativi.

 

6ph

6.1ph

 

Un vero e proprio lavoro da manuale, che richiedeva finezza, ingegno e creatività.

7ph

 

4ph

 

5ph
Il fotoritocco per uso commerciale era infatti già praticato molto prima della comparsa di Photoshop.

I trucchi del mestiere furono introdotti già nel 1946 da manuali come “Shortcuts to Photo Retouching For Commercial Use” di Raymond Wardell, il mago del fotoritocco, capace di fare miracoli utilizzando gli strumenti di uso comune come lenti di ingrandimento, righelli, spazzole, cotone, rulli in gomma.

 

1

 

Ed ecco alcuni risultati:

 

10ph9ph11ph

 

12ph

 

13ph
Pennelli, forbici e lente di ingradimento prima, tastiera, schermo e mouse ora.
Oggi ci sembrerebbe davvero impossibile lavorare senza l’aiuto di questo programma, che richiede altrettanta maestria e capacità per essere utilizzato in modo professionale ed efficace.

Auguri Photoshop: 25 anni e non li dimostri!

Raccontare è comunicare

febbraio 13, 2015

Per San Valentino, Lampone ha scelto una bellissima pubblicità del marchio Hallmark, un esempio di come la comunicazione pubblicitaria si stia muovendo oggi.
Un racconto reale, una storia in cui chiunque può facilmente immedesimarsi. In questo caso, la storia di un amore talmente forte che va oltre le parole. E non potrebbe succedere proprio a voi?
Il marchio fa un passo indietro e il pubblico si lega indissolubilmente al brand.
Si lascia spazio all’umanità di un gesto o ad una parola toccante che rimarrà impressa nella memoria di chi guarda.

Museum Selfie Day?

gennaio 23, 2015

Anche il mondo culturale non ha potuto resistere al fascino del selfie.

Infatti mercoledì 21 gennaio è stato il “Museum Selfie Day”, la giornata internazionale che aveva l’obiettivo di avvicinare i giovani alla cultura.

Noi di Lampone però ci siamo chieste se sia questo il modo giusto per farlo.

Sui social ha spopolato l’hashtag #MuseumSelfie ed è stato boom di foto all’interno di una qualsiasi galleria d’arte o museo.

Ma perché invece non promuovere una mostra o un ingresso al museo con attività e idee davvero “culturali” e per il semplice piacere di andarci?

Ciò che è davvero dilagante è il rendere pubblico e condivisibile tutto. Uniformarsi è ormai un must. Ma perché invece non approfittare di una foto solo per il naturale piacere di immortalare un istante, o in questo caso un dipinto, e condividere un bel luogo o un museo?

Forse perché il bisogno di like e la mania di protagonismo hanno, per ora, la meglio.

Quindi, l’autoscatto si fa arte? Forse per alcuni è stato solo un’altra occasione per mettersi in mostra.

Godere di un’esperienza, della storia e della bellezza è quello che conta. Ma fatelo per voi stessi.

 

Schermata 2015-01-23 alle 16.31.35

“Sotto il vestito… niente?”

gennaio 15, 2015

Il mondo della pubblicità insegna a guardare oltre e immaginare. Per comprenderne appieno i contenuti bisogna leggere tra le righe, sotto il tangibile. Immediatamente sotto la superficie del visibile si nasconde, infatti, il cuore del messaggio. Nei casi che riportiamo di seguito però il messaggio è tanto esplicito quanto invisibile.

 

invisibile 1

invisibile 2

invisibile 3

Un ottimo risultato che quasi “non si vede”!

A Natale la comunicazione può…

dicembre 18, 2014

Il Natale è alle porte e nella comunicazione c’è aria di creatività.

Ecco alcune campagne che ci faranno riflettere in questo periodo di festa. Quattro esempi di come la comunicazione può associare immagini e motivi natalizi ad importanti messaggi sociali.

Qui il messaggio è forte e chiaro: divertiti, festeggia, ma pensa anche agli altri!

.3 16 17 8

 

 

 

 

25 novembre 2014 – Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

novembre 25, 2014

Una giornata di riflessione, per entrare nel problema e lasciarsi trasportare, dalle immagini delle campagne di sensibilizzazione, in un flusso di pensieri e di domande…
Cos’è il vero amore? Come riconoscere i segni di un amore malato e violento?
Una giornata dedicata a madri, mogli, figlie, semplicemente donne che sperano di uscire da un incubo che le ottunde.

9d38b38ba476a7d9251a4aed5a9a218e
E la comunicazione può fare molto per sensibilizzare e dare voce ad un problema in esponenziale crescita, come dimostrano i dati numerici. Sensibilizzare significa prevenire e, forse, evitare.
Tante le campagne create in tutto il mondo. Varie le prospettive e diversi i soggetti. Il punto di vista cambia la situazione ma non l’obiettivo finale: comunicare il dolore, fisico e non, provocato da un apparente “amore”.

L’amore malato e la speranza di un cambiamento rappresentano la dicotomia protagonista di questa giornata mondiale contro la violenza sulle donne: e noi, donne di Lampone, siamo davvero sensibili e vicine al problema.

Per questo vogliamo dargli risalto proponendo ai nostri lettori le campagne di sensibilizzazione che ci hanno colpito di più.

 

fd58d4adcabaf8a94e7345518a02ce4fee3f9ba0-1

a218cebed3b2a9ea731a2eac52b56df2

 

principessa1

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 4.675 follower